Breaking News
Home / FUNZIONALE / Regalati un – Amy Vetter
Give Yourself a Break — Amy Vetter

Regalati un – Amy Vetter

Può sembrare un paradosso, ma lavorare da remoto può effettivamente renderci più legati al nostro lavoro. Questo fenomeno, a volte indicato come “colpa del lavoro a distanza”, è comune. Sebbene tu possa pensare che essere estremamente devoto al tuo lavoro, a scapito di tutto il resto, sia un segno di lealtà e determinazione, ti farà solo del male. Studio dopo studio ha dimostrato che fare delle pause è essenziale per mantenere la produttività e un’elevata qualità del lavoro. Per non parlare del fatto che se non smetti mai di lavorare, la salute mentale della tua vita personale ne risentirà. Fare pause occasionali durante la giornata è anzi che non meno che essenziale.

Allora come fai a rendere le pause parte del tuo stile di vita lavorativo da casa? Inizia con l’accettare che si tratta di prendere un’interruzione. Non hai passato tutta la tua esistenza professionale con il naso alla mola dell’ufficio e non dovresti aspettarti di farlo da remoto. Se sei a posto, è importante impostare il normalizzato che è allontanarsi. Se stai facendo una breve interruzione (10 minuti o meno), probabilmente non hai bisogno di avvisare gli altri che lo stai facendo. Per pause più lunghe, ad esempio un’ora per pranzo, aggiorna il calendario per far sapere ai colleghi che stai per interrompere. Essere semplicemente comunicativi e trasparenti placherà gran parte della tua ansia di prendere tempo per allontanarti.

Una volta superato l’ostacolo mentale di accettare che le pause sono benefiche, dovresti irreggimentarle nella tua routine quotidiana. Se non sei propenso a fare delle pause in modo naturale, inizia con un classico pranzo di un’ora. Segna come chiuso il tuo calendario, allontanati e rispettalo. A meno che tu non abbia qualcosa di veramente urgente in corso, non rispondere a Slack o e-mail durante l’interruzione. Te lo prometto, il messaggio ti aspetterà quando tornerai. Se ti sorprendi a tradire le pause, potresti dover adottare un approccio più rigoroso mettendo via il tuo elaboratore elettronico e nascondendo per un po ‘il tuo telefono. Alla fine, ti abituerai a non affrettarti a rispondere e non avrai bisogno di tattiche così dure. Come ogni abitudine, fare delle pause è qualcosa che dovrai costruire.

Oltre alle pause programmate regolarmente, dovresti prendere quelle intermittenti più brevi. Queste interruzioni non devono necessariamente essere inserite nella tua giornata, ma possono invece verificarsi più su base ad hoc. Alzati, sgranchisciti le gambe, bevi qualcosa di più, fai uno spuntino sano: non hai bisogno del permesso per fare nessuna di queste attività. Se sei nel mezzo di una conversazione con qualcuno, fagli sapere che stai facendo un cinque veloce. Altrimenti, fallo e basta. Essere cortesi con il tempo degli altri non deve in che modo a scapito del proprio. Con un po ‘di pratica, raggiungerai il giusto equilibrio tra la disponibilità e il mantenimento di una certa autonomia durante la giornata.

Come con gran parte del nostro nuovo ambiente di lavoro da casa, imparare a fare pause da remoto non è qualcosa che hai trovato in una guida. In quanto tale, è naturale rimandare a un approccio meno è meglio. Tuttavia, questo approccio non porterà vantaggi a te o alla tua azienda nel lungo periodo. Impara come fare delle pause per una moda sana e rispettosa e scoprirai che la tua vita lavorativa a distanza sarà molto meno frenetica.

Ai vecchi tempi in cui trascorrevamo la maggior parte del nostro lavoro in uffici, separavamo le nostre giornate con innumerevoli piccole pause. Andavamo a passeggio, mangiavamo spuntini nella sala interruzione, conversavamo con i membri del nostro team e altro ancora, e non ci abbiamo mai pensato due volte. Ora, la maggior parte di noi non lavora dagli uffici e potresti sentirti impacciato ogni volta che non puoi essere incollato allo schermo. Anche se lavori da casa, potresti scoprire che quelle pause sono sempre meno frequenti. Se soffri di questo problema, devi darti un’interruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *